Come superare una rottura (la guida del 2020)

Ci sono poche cose dolorose come una rottura sentimentale, e più è stata lunga e intensa la relazione, più è devastante il dolore per la fine di questa.

Per questo, è importante sapere come superare una rottura in modo sano, senza rischiare di perdere la testa. In questo articolo troverai tutto quello che ti serve per affrontare questo momento.

Come superare una rottura - Love Revolution

Indipendentemente dalla causa della rottura, o se questa sia stata decisa da entrambi, molto raramente la fine di una relazione lascia (gli ex) partner senza cicatrici. La maggior parte delle volte, superare il dolore è difficile per tutti i coinvolti.

Sappi che la tua sofferenza non sarà eterna, e per quanto sia giusto che tu ti prenda un momento per fare il tuo “lutto”, ci sono sicuramente dei modi che ti possono aiutare a gestire questa situazione al meglio, curando tutte le tue ferite.

Mettere in pratica le dritte che leggerai qui può davvero aiutarti ad attenuare lo sconforto che provi adesso.

INDICE

La rottura di una relazione

Per quanto alcune persone possano dire che la fine di una storia non è la fine del mondo, il dolore che si prova dopo una rottura sentimentale è paragonabile solo a pochi altri dolori.

Probabilmente, se hai parlato con qualcuno in questo periodo, la cosa che più ti sei sentito ripetere è che ci vuole del tempo prima che la sofferenza passi. E certamente è vero.

Tuttavia, è importante sapere come superare una rottura nel modo migliore. Quello che ti permette di rimetterti in piedi e di andare avanti senza che tu debba trascinare i pesi di questa esperienza nelle tue prossime relazioni.

E senza che queste ferite ti limitino nella tua vita, o che ti fermino dal cercare di costruire un nuovo amore con un’altra persona, in futuro.

Essere tristi in questo momento non è una cosa brutta. La tristezza e le emozioni spiacevoli che provi sono il normale effetto causato da ogni fine di una storia.

Lasciare che, sia la tua mente che il tuo corpo, sentano quello che devono sentire, senza lottare per contrastare il dolore, è l’unico modo per assicurarti di stare bene più avanti.

Tra le emozioni che potresti provare ci sono: paura, apatia, tristezza, frustrazione, rabbia, disperazione, incertezza…

Proverai tutte queste emozioni nella misura proporzionale rispetto all’amore che provavi per il tuo ex.

È importante però che tu sappia che il tuo dolore non deve necessariamente durare a lungo.

In tanti pensano che dopo un evento infelice ci voglia sempre molto tempo per riprendersi. E se invece ti riprendi troppo velocemente, allora forse non ci tenevi così tanto.

Cerca di non farti condizionare dall’opinione degli altri, non c’è un manuale che ti dice quanto a lungo è giusto che tu soffra.

Più ti sforzerai di scacciare il dolore più questo continuerà a tornare e a fare danni nella tua vita. Più ti convincerai che il dolore rimarrà con te per sempre più avrai difficoltà a tornare ad essere sereno.

Più avanti nell’articolo troverai dei consigli che possono davvero aiutarti nel tuo percorso per superare il dolore. Tuttavia, ti incoraggio, se la tua sofferenza fosse forte e tu fossi solo a gestire tutto questo, a cercare l’aiuto di qualcuno. Come ti dicevo non c’è un manuale che vale per tutti, fai quello che senti.

Perché la fine di una storia è così difficile da sopportare?

Abbiamo già detto che il dolore causato da una rottura è paragonabile solo ai peggiori dolori che proviamo nella nostra vita.

Ma perché ti senti così dopo la fine di una storia con il tuo partner?

La ferita emotiva: il rifiuto

Quando una storia finisce non solo senti che il tuo amore è stato rifiutato, ma è come se il tuo partner avesse rifiutato anche gli sforzi che tu hai fatto per far funzionare le cose tra voi.

E così ti senti sconfortato, pensando di aver fallito perché non eri abbastanza o non hai fatto abbastanza.

In certi casi, il dolore per la fine di una storia è uguale a quello che proviamo per la morte di una persona a noi cara.

Tuttavia, la rottura può colpirti anche più duramente della perdita di una persona, perché senti che le circostanze che vivi sono un risultato che deriva da te e dalle tue azioni e non da qualcosa che non è sotto il tuo controllo, come un incidente, una malattia, un evento imprevisto.

Ai tuoi occhi, la rottura è il riflesso del tuo valore. Per questo ti sconvolge tanto, perché insinua il dubbio dentro di te e fa vacillare la fiducia che tu hai in te stesso.

In questo senso, è come se non avessi perso solo una persona che amavi, ma hai perduto anche l’immagine che tu ti eri creato di te stesso quando eri in quella relazione, quando stavi con quella persona.

Ma, come leggerai in seguito, la rottura non mina il tuo valore come persona. E anche se questa fine può aver dato un duro colpo alla tua autostima, per riprenderti avrai bisogni di credere nuovamente in te stesso.

La reazione del tuo corpo

Così come il tuo spirito, e il tuo cuore, anche il tuo corpo sente gli effetti di una rottura sentimentale. La perdita di appetito e dolori fisici tipici a quelli causati dallo stress come mal di stomaco, mal di testa, mal di schiena, sono sintomi che fanno parte delle conseguenze della fine di una relazione.

Il dolore emotivo e quello fisico sono strettamente collegati. In questo momento, sono entrambi causati dal tuo cervello, che sta facendo il suo lutto.

Se stavi bene nella relazione ed eri felice, probabilmente avrai sentito che anche il tuo corpo era carico e in forma: dormivi bene, avevi appetito e ti sentivi energico.

Come il tuo corpo sentiva la tua felicità, ora sente il tuo dolore.

Aspettati quindi, che anche il tuo corpo si senta diverso. Per questo, uno step importante per superare il dolore, riguarderà proprio il prenderti cura di te e del tuo corpo.

Come superare una rottura: cosa fare

La rottura sentimentale è difficile perché stravolge la tua vita: pensavi che non avresti mai lasciato una persona e ora sei solo con te stesso.

È come se nella fine della storia tu avessi perso anche una parte di te. La parte che aveva fatto progetti di vita con il partner.

Capita spesso che nelle coppie che fanno progetti insieme e sono molte unite, i partner diventino codipendenti l’uno dall’altro, perdendo a poco a poco la loro individualità.

Potresti infatti accorgerti che i tuoi obiettivi, le tue convinzioni, le tue abitudini e perfino i tuoi interessi sono molto cambiati da quando il tuo (ex) partner è entrato nella tua vita.

La relazione è qualcosa che ha influenzato ogni aspetto della tua esistenza. E ora, ti trovi a fare una cosa che non avevi previsto: vivere solo, seguendo la tua strada.

Come abbiamo detto ad inizio articolo, il tempo cura le ferite, ma questo non significa che devi trascorrere le tue giornate steso a letto aspettando il giorno in cui ti sveglierai felice. Ci sono cose che puoi fare attivamente per stare meglio.

La rottura non comporta solo dolore, potrebbe essere un’opportunità per te per ritrovare te stesso, per creare qualcosa di nuovo.

Ritrovare te stesso significa ricordarti che sei abbastanza, che il tuo valore non è legato alle conferme del tuo partner e degli altri, non è legato nemmeno al fatto che tu abbia una relazione. Il tuo valore è chi sei tu come persona, ai principi che ti guidano nella vita.

È il momento di far riemergere la tua individualità e di (ri)scoprire te stesso.

Ecco cosa dovrai fare per superare la tua rottura:

1) Prenditi cura di te

La cosa primaria di cui hai bisogno in questo momento è di amarti e prenderti cura di te. Ora è il momento giusto per staccare la spina e concentrarti su te stesso per stare bene.

Una rottura sentimentale ti fa sentire debole e senza speranza. È proprio adesso che dovrai essere indulgente con te stesso e prenderti extra-cura di te, soddisfando le tue necessità.

Dovrai prenderti cura di te fisicamente e spiritualmente. Fisicamente nel senso che dovrai mangiare in modo sano, dormire a sufficienza, curare la tua igiene personale, ed evitare tutti quei comportamenti dannosi per il tuo corpo.

Spiritualmente, invece, significa che dovrai mettere in pratica tutte quelle azioni che danno sollievo al tuo spirito, che possono portarti buon umore e darti energia positiva: andare avanti con la tua vita, accettare le emozioni che provi senza combatterle, fare tutte quelle cose che ti rilassano, relazionarti con le persone che ti fanno stare bene.

Tutte queste attività fanno parte del prenderti cura di te e dovrai cercare di farle quotidianamente. Questo ti aiuterà davvero a ricaricare le tue batterie e a non sprofondare nello sconforto, pensando che ora che non hai più la tua persona non ci sia nessuno che si prenda cura di te.

La verità è che hai te stesso, questa è la cosa più importante, e questo ti basterà.

2) Stabilisci una nuova routine

Una delle cose che più ti provoca sofferenza durante una rottura è doverti adattare a un cambiamento, che neanche avevi previsto. La routine e la “normalità” che avevi costruito quanto eri insieme al tuo ex viene sconvolta, e ora devi ri-organizzarti.

Il modo migliore per farlo è stabilire una nuova routine.

Per superare una rottura velocemente, stabilire delle abitudini quotidiane ti da un senso di comfort e sicurezza: ti fa sentire meno perso durante questo momento.

Sapere di svegliarti e avere delle cose da fare, di tornare a casa dal lavoro e di avere una routine da seguire, rende la tua giornata più facilemente affrontabile.

Puoi fissare dei nuovi orari in cui ti svegli e vai a dormire e decidere di prenderti un poco più di tempo per te stesso la mattina prima di andare al lavoro, per fare esercizio fisico, leggere un libro, in modo da dedicare un momento a te stesso prima di iniziare la giornata.

Inserisci nella tua routine nuove cose che avresti voluto fare ma che non hai mai trovato il tempo di fare.

Allo stesso modo, a fine della giornata prenditi del tempo per svagarti e andare a dormire rilassato. Fai il possibile per programmare la tua giornata e crearti una nuova routine incentrata sul farti stare bene.

L’obiettivo è quello di darti la motivazione giusta per svegliarti la mattina sapendo di avere un programma da seguire e cose che ti esaltano da fare.

Questo ti renderà la giornata più leggera. Vedrai che dopo poco tempo, seguire i tuoi rituali ti farà sentire bene, è solo questione di adattarsi a nuove abitudini.

3) Coltiva i tuoi hobby

Una delle cose più positive che puoi fare per superare una rottura al meglio è quella di coltivare i tuoi hobby e le tue passioni. Questo ti può portare un enorme beneficio sotto tanti punti di vista.

Ti aiuta a dare spazio alla tua creatività, può portarti a fare esercizio fisico e a rimanere attivo, ti offre l’opportunità di incontrare nuove persone, tiene la tua mente impegnata e ti fa scoprire lati di te che non conoscevi.

Trova uno o più hobby che vorresti provare e comincia a praticarli. Potresti iscriverti a un corso di pittura, cucina, pesca, fotografia, kick boxing. Quello che più ti ispira.

Se non te la senti di uscire di casa, anche se sarebbe un incentivo a stare meglio, puoi decidere di fare qualche attività a casa tua, come il giardinaggio se ne hai la possibilità, rinnovare una stanza di casa, cucinare.

L’importante è che cerchi di tenere la tua mente impegnata in modo creativo. Trova qualcosa che ti faccia sentire almeno un minimo spensierato e che ti dia piacere. Questo fa parte del prenderti cura di te per superare il tuo dolore.

4) Accettare la realtà

Quando una relazione finisce, cominci a diventare insicuro e incerto. Prima ti sei abituato a un certo tipo di vita, condiviso con un’altra persona, e ora è tutto diverso.

Devi ripetere a te stesso che andrà tutto bene, che hai la forza per gestire qualsiasi cosa. E che anche se la tua relazione è finita, la tua vita non lo è.

Per trovare la tua forza e andare avanti dovrai cominciare ad accettare la realtà che stai vivendo. Accetta la fine della tua storia, accetta il dolore e accetta questo tuo nuovo status.

Per questo, non dovrai avere false speranze e pensare costantemente a come riconquistare la tua persona, o cercare ossessivamente il modo di mettere a posto le cose.

Questo non fa altro che rendere la tua situazione ancora più difficile da reggere.

Non lottare contro il momento e le emozioni che stai vivendo per respingerle. A poco a poco ogni cosa si rimetterà al posto giusto e tu starai bene, devi solo accettare e adattarti a questa nuova realtà.

5) Impara la tua lezione

I primi giorni dopo la rottura sono i peggiori, sono quelli che ti spingono a vedere tutto in modo negativo e a non trovare la forza di andare avanti.

Tuttavia, passati i primi momenti di disperazione, sarai in grado di vedere le cose da un’altra prospettiva: potrai mettere a fuoco meglio la situazione che stai vedendo e riflettere sulla tua esperienza in modo più obiettivo.

Riuscirai a capire cosa è andato storto e quali sono invece gli aspetti positivi. Attenzione, non devi rimuginare sui tuoi errori o sulle cose che avresti potuto o dovuto fare. Ne devi pensare a ciò che il tuo ex ha fatto o non ha fatto. Questo non funziona mai.

Però, spesso, puoi leggere i segnali e avere delle intuizioni sul perché le cose siano andate così.

Magari durante la relazione ti sei concentrato troppo sul tuo partner e non hai curato i tuoi interessi e la cosa ti ha reso frustrato. Oppure questo per te è un brutto periodo, sei molto concentrato su te stesso e hai trascurato la relazione. Magari questo momento è ciò che ti serviva per pensare un poco a te stesso, alle cose che vuoi fare e a recuperare la tua individualità.

Per superare la rottura senza lasciare strascichi di dolore e rancore cerca capire cosa puoi imparare e cosa puoi fare meglio quando ti relazioni con una persona. Perciò cerca di trarne una lezione positiva e pensare che ciò che hai vissuto ti rende più forte, più saggio e ti fa capire meglio che cosa cerchi in una relazione.

6) Definisci i tuoi obiettivi

Inizialmente, la rottura sembra un grande rifiuto. Sei stato mollato e ti sembra di aver ricevuto una sberla in faccia. Se invece sei stato tu a chiudere per diverse ragioni, ti potresti sentire come se avessi fallito, volevi far funzionare le cose e non ce l’hai fatta.

Comunque sia andata è difficile credere che la rottura sia per te un’opportunità e non la tua rovina. Ma se lo fosse?

Se fosse un’opportunità per te di ricominciare? Di viaggiare? Di realizzare i sogni che hai accantonato? Di tornare a studiare? Di ridefinire i tuoi standard nella relazione?

Piuttosto che mettere l’accento sulle cose che non sono andate pensa a cosa vorresti fare adesso che puoi concentrarti su te stesso e che prima non hai fatto.

Al posto di continuare a rimuginare e parlare con gli altri di ciò che ora è già nel tuo passato, prova a fare una lista degli obiettivi che vorresti realizzare.

Non hai la responsabilità di un rapporto, non devi tenere conto di nessuno e hai tempo libero ed energia a disposizione.

Concentrati sul ridefinire quali sono i tuoi sogni. Come ti dicevo, quando si è in due si fanno spesso progetti per due, si tiene sempre in considerazione la persona che ci è accanto.

Ora che la tua persona non c’è, i tuoi sogni sono sempre gli stessi? O vorresti altro per te?

Adesso è il momento giusto per chiedertelo e rivalutare le cose che sono importanti per te e per la tua vita.

7) Trova la forza nelle relazioni positive con gli altri

Una parte fondamentale del ritrovare te stesso dopo una separazione la giocano le tue relazioni con le persone che ami.

Le relazioni sentimentali solitamente “rubano” la maggior parte del tempo ai partner. Se prima trascorrevi tutto il tuo tempo con la tua persona, adesso potrebbe essere il momento giusto per rafforzare le relazioni che avevi trascurato e coltivarne nuove.

Potresti riscoprire il piacere delle serate con gli amici, trascorrere più tempo con la tua famiglia, incontrare persone nuove e allacciare nuovi rapporti, sul luogo di lavoro o iscrivendoti a qualche corso.

Passa più tempo con tutte quelle persone che ti fanno stare bene e coltiva i legami positivi. Se anche sei tentato di stare da solo, chiuso in casa, non appena te la senti, fai un piccolo sforzo per coltivare i tuoi rapporti. Trarrai molto beneficio e conforto da questi.

Anche solo una chiacchierata al telefono con un tuo amico, tua sorella o fratello o qualcuno di cui ti fidi può aiutarti a risollevarti.

Come superare una rottura: cosa non fare

Ora che hai visto gli step da compiere per superare una rottura nel modo migliore, passerò velocemente in rassegna delle cose che invece non devi fare dopo una rottura.

Cerca di avere la forza di volontà per evitare questi comportamenti, non ti aiuteranno a superare il dolore. E anche se possono portarti un beneficio temporaneo, nel lungo periodo saranno ancora più distruttivi per te.

1) Restare in contatto con l’ex / Guardare i suoi profili social

So che la tentazione è alta, ma l’ultima cosa che vuoi fare è controllare ossessivamente i profili social del tuo ex o della tua ex per sapere dov’è, cosa fa, con chi è.

Questo non ti aiuta a concentrarti su te stesso e a prenderti cura di te. Rende solo più difficile il tuo processo di guarigione.

Cerca anche di resistere alla tentazione di contattarlo/a. Per quanto ti possa mancare e tu abbia voglia di sapere cosa fa, cercare continuamente un contatto non ti permette di andare avanti, ti tiene fermo lì in quello stato di sofferenza e sconforto.

Per superare la rottura nel modo giusto pensa a te stesso e metti come tua priorità lo stare bene, solo così supererai al meglio questo momento.

2) Dire a te stesso cose negative come “la vita non ha senso” “ora non valgo niente”

Anche se in questo momento vedi tutto nero, cerca di dire a te stesso cose positive e incoraggianti anziché utilizzare affermazioni negative.

Se continuerai a nutrire la tua mente con pensieri negativi e a vedere la realtà intorno a te cupa e insoddisfacente, non riuscirai a uscire dal tuo stato di demoralizzazione.

Lo sconforto potrebbe portarti a pensare che tutto è un disastro, ma fai uno sforzo per ripetere a te stesso che andrà tutto bene e che starai bene.

Ogni volta che ti viene in mente una frase negativa prova a rimpiazzarla con una più incoraggiante. A poco a poco comincerai a credere e ad essere convinto delle cose che dici: quindi, usa frasi positive!

3) Placare il dolore con forme di soppressione negative

Dopo la rottura, molte persone cercano conforto in abitudini negative che sono in grado di alleviare temporaneamente il dolore per la fine della storia.

Tra queste ci sono: bere troppo alcol, mangiare eccessivamente e cibo spazzatura, fare uso di sostanze che creano dipendenza, fare acquisti in modo compulsivo, e così via.

Alcune persone sono così disperate che farebbero di tutto per scacciare il dolore e controllare le emozioni.

Il fatto è che tutte queste cose non fanno altro che ritardare il momento inevitabile in cui dovranno affrontare il dolore e le emozioni spiacevoli che provano.

Se anche tu permetterai che questi fattori diventino la tua cura, senza invece lasciare che il dolore se ne vada a poco a poco, ti creerai una dipendenza e ogni volta che non avrai a disposizione il tuo sollievo temporaneo, sarai incapace di gestire la tua sofferenza, verrai sopraffatto.

4) Cercare persone con cui hai perso i contatti solo perché ti senti solo

Tra gli effetti collaterali della fine di una storia c’è sicuramente il sentirsi solo. Affrontare la solitudine è difficile, soprattutto se ti trovi ad essere solo dopo tanto tempo.

Tuttavia, un’altra cosa che devi evitare in questo momento è quella di metterti in contatto con persone del tuo passato con cui avevi chiuso i rapporti perché negative per te.

I tuoi ex, le persone che ti hanno ferito, non cercarli solo perché ti senti solo. Loro non potranno aiutarti.

Al contrario, far entrare nella tua vita una persona negativa può solo esacerbare il dolore di aver perso qualcuno che invece ti faceva stare bene.

Sentirai ancora di più la mancanza dell’ex e di conseguenza sarai demoralizzato pensando che non ci sia qualcuno che può “rimpiazzarlo”.

Stare con persone con cui avevi chiuso per buone ragioni non ti aiuterà a superare la rottura, quindi lasciale dove sono e impara a superare la solitudine un giorno alla volta.

5) Iniziare una nuova relazione / Cercare un rimpiazzo

L’espressione “chiodo scaccia chiodo” non è sempre valida in amore. Cercare un nuovo rapporto subito dopo una rottura non è nient’altro che la via che ti conduce ad avere il cuore spezzato, di nuovo.

Il motivo per cui vuoi una relazione è che cerchi una persona per rimpiazzare il tuo ex.

Facendo così non farai altro che proiettare le tue insicurezze derivanti dalla tua precedente relazione sul tuo nuovo partner, senza invece darti il tempo di riflettere ed essere certo di ciò che vuoi.

Il più delle volte, le relazioni che nascono dopo una rottura sono superficiali e vuote. E al posto di permetterti di riacquisire la tua fiducia in te stesso, minano la tua autostima.

Quindi, non cercare di aggrapparti a nessuno per trovare la salvezza. Per superare la tua rottura e stare davvero bene con te stesso, dovrai essere convinto di avere tutte le risorse di cui hai bisogno, in te.

Questi consigli ti aiutano a ritrovare la tua individualità, a recuperare l’autostima e a capire che devi mettere te stesso al primo posto, sapendo quello che vuoi, per essere veramente felice.

Una volta che sarai certo di bastare a te stesso, potrai approcciarti a un nuovo amore, vivendolo ancora più intensamente. Prima devi rimettere insieme i pezzi, stare in piedi con le tue gambe e capire che hai la forza di farlo.

Solo quando avrai riacquisito fiducia in te stesso sarai pronto per condividere la tua vita con una persona, sapendo che qualunque cosa accada, tu avrai per sempre te stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *